NOTE A MARGINE.

Oh beh c'è di peggio in giro eh

18 note

Lezioni di felicità secondo l’Internazionale

1 L’ubriachezza è una forma di felicità a tempo determinato. 2 Canticchia tutto il giorno Don’t worry be happy, soprattutto di fronte alle persone che odi. 3 A volte la felicità si nasconde in un piatto di pasta all’amatriciana. 4 Non dire “la felicità non è una meta ma una direzione” e altre cazzate del genere. 5 Sfoggiare un bel sorriso è segno di felicità. Ma dopo il settimo giorno di seguito diventa inquietante.

Archiviato in Rubrica Regole

7 note

Liberamente tratto da.

  • Ricordati che le grandi decisioni sulla politica le prende l’economia e le grandi decisioni sull’economia le prende la politica. Studia queste due dottrine e il loro linguaggio, ma poi vatti a sbronzare con gente allegra e spiritosa
  • Medita, ma non farlo in mezzo ai sandaloni o alle cinquantenni disimpegnate, ricche e ipertiroidee col maglione a collo alto: le prime persone con cui parli dopo aver piallato il cervello con la meditazione è bene che dicano cose intelligenti.
  • Firma i tuoi lavori e cita quelli degli altri
  • Sii gentile, lo dice Bergoglio ma cita l’arte della guerra e lo sa. Lo dicono Jung e Confucio, e un sacco di gente che sa cicatrizzare il dolore: ragiona più che puoi, ragiona di te stesso più che puoi - non avrai altro io al di fuori di te (finché non t’innamori).

Grazie a Il fascino del vago. Il lavoro è suo. Io mi sono appuntata le parti da appiccicare sul frigo.

Archiviato in ilfascinodelvago frigorifero.

9 note

Cose buonizzime che imparo grazie a ggiovane ragazza che vive con me. 
Ho cercato di ricambiare accennando a storie di ggiovane ragazza-io che cantava desperado ma dice che preferisce la birra (…)

Cose buonizzime che imparo grazie a ggiovane ragazza che vive con me.
Ho cercato di ricambiare accennando a storie di ggiovane ragazza-io che cantava desperado ma dice che preferisce la birra (…)

85 note

Ho sempre avuto il dono di essere fuori tempo in qualsiasi tempo. Da ragazzo frequentavo quelli più grandi perché i coetanei mi annoiavano, da vecchio tendo a frequentare le persone più giovani per lo stesso motivo.
(via ilfascinodelvago)

Appunto.

(via rollotommasi)

257 note

Ho imparato ad amare i libri. Oggi mi sorprendo a volte a spostarli nella mia biblioteca […] Perché c’è un ordine segreto. I libri non puoi metterli a caso. L’altro giorno ho riposto Cervantes accanto a Tolstoj. E ho pensato: se vicino a Anna Karenina c’è Don Chisciotte di sicuro quest’ultimo farà di tutto per salvarla.
Ettore Scola durante un’intervista (via egocentricacomeigatti)

(Fonte: watanabetoru2011, via egocentricacomeigatti)